certificazione energetica geometra

Certificazione energetica: quali sono le competenze specifiche dei geometri?

Certificazione energetica: quali sono le competenze specifiche dei geometri?

Di Ing. Angela Mastrandrea – Responsabile Scientifico

Sempre più spesso riceviamo richieste di spiegazioni circa le competenze specifiche dei geometri in ambito di certificazione energetica degli edifici.

Oggi cerchiamo di chiarire i dubbi più frequenti.

Il DPR 75/2013 stabilisce che il soggetto certificatore per redigere un attestato di prestazione energetica deve essere iscritto ai relativi albi professionali e abilitato all’esercizio della professione relativa alla progettazione di edifici e impianti asserviti agli edifici stessi, nell’ambito delle specifiche competenze attribuite al suo stesso esercizio dalla legislazione vigente.

La legge specifica che, il tecnico, qualora non avesse tutte le competenze, deve operare in collaborazione con un altro tecnico abilitato al fine di coprire le competenze mancanti.

In merito alle abilitazioni professionali dei Geometri relative alla progettazione di edifici ed impianti è necessario sottolineare:

  • il decreto del 1929 ha limitato l’attività del geometra alle «modeste costruzioni civili»: una definizione che lasciava il dubbio sulla competenza in materia di cemento armato, abrogata poi dal D.lgs. 13 dicembre 2010, n. 212;
  • la sentenza della Suprema Corte di Cassazione del 7 settembre 2009, n. 19292, prima, e la Sentenza n. 361 del 18 aprile 2013 del il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia, sezione staccata di Brescia (Sezione Seconda), poi, hanno chiarito che i Geometri (e qui si cita la seconda) «possono occuparsi della progettazione e della direzione dei lavori di costruzioni civili di modesta entità. Lo scorporo effettivo delle attività riferite agli aspetti architettonici da quelle connesse al cemento armato, che richiedono calcoli complessi, consente, infatti, a ciascun professionista(architetto o ingegnere da un lato, geometra dall’altro) di poter riceve dal committente un incarico rientrante nel rispettivo ambito professionale assumendosi una responsabilità piena circa il contenuto della propria prestazione, con il solo vincolo di coordinarsi con gli altri professionisti dato il carattere unitario dell’edificazione». Giudizio ribadito peraltro dalla Sezione Prima del Tribunale Amministrativo Regionale per il Veneto con la sentenza n. 1312 del 20 novembre 2013;
  • Relativamente alla progettazione di impianti, per gli elettrici (che eppure non rientrano nelle competenze richieste per la certificazione energetica), come anche confermato dal Consiglio Nazionale degli Ingegneri (Circolare CNI 221 Competenze geometri progettazione impianti fotovoltaici) si ritiene, ai sensi degli artt. 4 e 5 del DM n.37/2008, che possano essere progettati impianti fino a 6 kW di potenza, mentre per gli impianti termici ovvero di climatizzazione estiva ed invernale (di specifico interesse ai fini della certificazione energetica) si deve fare riferimento alla sentenza del Tar Liguria n. 166 del 2006, dove si legge: «Va perciò ritenuto che la competenza professionale di un geometra non può estendersi alla predisposizione e alla vigilanza su quelle attività che implicano l’utilizzo di vari principi della fisica, e si configurano come funzionalmente autonome rispetto alle opere tipicamente murarie», ragion per cui è lecito ritenere o comunque metterne in dubbio la non competenza.

Visto quanto esposto si ritiene che il geometra possa redigere attestati di prestazione energetica (APE) per qualsiasi tipologia di edificio qualora collaborasse con altro tecnico di modo da coprire le competenze vacanti, mentre in maniera autonoma solo per alcune tipologie come edifici di modesta entità, anche in cemento armato, e senza impianto di riscaldamento (ma qui la legge è meno chiara e ci si affida ad una sentenza del TAR Liguria).

Se, tuttavia, volesse sanare le proprie competenze vacanti, e quindi accreditarsi per qualsiasi tipologia di edificio, ai sensi del DPR 75/2013, può ottenere un attestato di frequenza, con superamento dell’esame finale, relativo a specifici corsi di formazione per la certificazione energetica degli edifici come quello organizzato da Beta Formazione. Tali corsi devono rispettare dei contenuti minimi che sono riportati in allegato al decreto.

Le 10 regole ENEA per il risparmio energetico

Con l’arrivo dei primi freddi – in ritardo rispetto alle medie stagionali – gli impianti di riscaldamento tornano in azione. L’ENEA ha pubblicato 10 regole antispreco: 10 consigli pratici per il risparmio energetico.

Fer elettriche: nuovi incentivi per il fotovoltaico

È stato pubblicato il 9 agosto sulla Gazzetta Ufficiale il DM 4 luglio 2019.Il Decreto, in vigore dal 10 agosto 2019, introduce nuovi meccanismi d’incentivazione per gli impianti fotovoltaici di nuova costruzione, eolici on-shore, idroelettrici e a gas di depurazione.

Efficienza energetica: le nuove regole Ue recepite anche in Italia

La Direttiva 2018/844/UE sull’efficienza energetica è stata definitivamente recepita dalla Camera, con la legge del 4 ottobre 2019, n. 117. Tutti i paesi membri hanno l’obbligo di fare altrettanto, entro il 10 marzo 2020.

Il biometano: la nuova frontiera del rinnovabile

Il biometano è il combustibile ottenuto dalla purificazione del biogas che, a seguito di opportuni trattamenti chimico-fisici (purificazione o upgrading), anche svolti in luogo diverso da quello di produzione, è idoneo alla successiva fase di compressione per l’immissione nella rete del gas naturale.

Domotica: efficienza energetica e la norma CEN UNI EN 15232

Oggi parliamo ancora di efficienza energetica con un’attenzione particolare alla domotica, andiamo infatti ad analizzare la norma CEI UNI EN 15232.

Riscaldamento: radiatori o pannelli radianti?

L’autunno è alle porte e a breve ricominceremo a parlare di riscaldamento; per chi sta pensando ad una ristrutturazione dell’impianto può essere il momento di affrontare una scelta: sistemi a radiatori o a pannello radianti a pavimento?

Efficienza Energetica: approvate le nuove regole europee

La direttiva Europea sull’efficienza energetica e sulla prestazione energetica in edilizia è la Direttiva 2018/844/UE. Il Senato l’ha da poco recepita nel Disegno di Legge di Delegazione Europea 2018.

Energie rinnovabili: al via gli incentivi del FER

In materia di energia rinnovabili, sono al via gli incentivi contenuti nel decreto FER 1. Il GSE ha infatti emanato il regolamento operativo, in attuazione del DM del 4 luglio, già pubblicato in GU.

I 7 punti della Diagnosi Energetica

Come si redige una Diagnosi Energetica? È questa una domanda che ci viene posta molto di frequente durante i nostri corsi