Fiume

Ddl Cantiere Ambiente: richiesto finanziamento 25 milioni di euro per prevenire il dissesto geologico e manutenere i fiumi.

Il ministro Costa ha presentato al Senato la richiesta di finanziamento di 25 milioni di euro per prevenire il dissesto geologico e manutenere i fiumi. L’importante prevenzione dei rischi idrogeologici richiede l’approvazione immediata della norma Cantiere Ambiente.

Durante la seduta del Cip (conferenza istituzionale permanente) sono già stati approvati i programmi stralcio per l manutenzione idrogeologica dei territori dell’Appennino meridionale, delle Alpi orientali, Fiume Po, Appennino centrale e Appennino settentrionale, considerando le aree più a rischio dell’intera nazione.

Il ministro Costa ha confermato durante la seduta al Cip l’importanza della prevenzione per evitare disastri ecologici e geologici in situazioni di maltempo.

Per questo motivo sono stati stanziati 25 milioni di euro per prevenire il dissesto geologico e manutenere i fiumi,  mettendo in sicurezza e controllando i cinque territori su citati, attraverso programmi stralcio e azione programmatica nel lungo periodo per richiedere, li dove necessario, ulteriore budget di finanziamento.

Al momento l’urgenza è relativa al fiume Tagliamento e al fiume Sarno, per i quali sono stati previsti azioni strategiche e master plan al fine di definire al meglio il quadro della situazione e mettere in sicurezza le due aree ancora a grosso rischio idro geologico.

Durante la conferenza istituzionale permanente è stato introdotto anche il fondamentale tema dell’aspetto amministrativo e della necessità di reperire personale qualificato per mantenere alto il livello di studio e di gestione delle crisi, contribuendo quindi anche alla riqualificazione e formazione di personale addetto, e al reclutamento di professionisti altamente specializzati.

 

Il ministro Costa ha colto nuovamente occasione per stimolare gli enti locali a contribuire alla partecipazione e individuazione dello stanziamento fiscale, partecipando attivamente attraverso la presentazione di progetti necessari ad aprire i cantieri.

Dall’altra il ministro sollecita in maniera diretta e indiretta il senato affinché il ddl CantierAmbiente sia esaminato al più presto, data la necessitò e l’urgenza di alcune criticità nazionali e dato che il ddl è fermo in commissione, in Senato, dal 2 ottobre 2019.

 

Come da disegno di legge l’approvazione e l’esame del ddl Cantiere Ambiente risulterebbe necessario a velocizzare i tempi di intervento e la programmazione dei medesimi, attraverso un maggior potere territoriale e programmatico da parte dei commissari di governo, semplificando procedure ,velocizzando i tempi e i modi di finanziamento e rafforzando appunto la struttura di supporto regionale e locale.

Ad essere riorganizzate principalmente saranno le modalità di programmazione degli interventi attribuendo ai presidenti di Regioni, “quali Commissari straordinari delegati contro il dissesto idrogeologico ai sensi dell’articolo 10, comma 1, del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 91,” le funzioni di coordinamento e realizzazione degli interventi funzionali a garantire la salvaguardia del territorio e la mitigazione del rischio idrogeologico previsti nell’ambito di specifici Programmi d’azione triennale.

Il Programma si articola per piani annuali, come strumento flessibile volto ad individuare, da un lato, gli interventi puntuali da porre in essere, secondo una precisa cadenza temporale, dall’altro, le relative risorse.

 

 

 

 

 

 

VIA e VAS: Valutazione Impatto Ambientale e Valutazione Ambientale Strategica

Oggi approfondiamo due strumenti che il legislatore ha adottato per proteggere l’ambiente dall’impatto che lo sviluppo umano può causare: La VIA, Valutazione dell’Impatto Ambientale, e la VAS, Valutazione Ambientale Strategica.

Dissesto idrogeologico: il disegno di legge all’esame del Senato

Il Ddl CantierAmbiente voluto dal ministro Costa ha iniziato l’iter di esame in Senato. Nel ddl, la novità più importante è quella relativa ai “Commissari straordinari” delegati contro il dissesto idrogeologico

Sostenibilità ambientale nelle costruzioni: la nuova norma UNI

È stata pubblicata la UNI/PdR 13:2019 sulla Sostenibilità ambientale nelle costruzioni. Il documento, nato dalla collaborazione tra ITACA e UNI, sostituisce la precedente UNI/PdR 13:2015 e concretizza in Prassi il Protocollo ITACA.

rischio-rumore

La valutazione del rischio rumore

Oggi trattiamo il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare attenzione al rischio rumore che necessita di competenze ed attrezzature specifiche.

dissesto-idrogeologico

Il piano “Proteggi Italia” contro il rischio idrogeologico

11 miliardi di euro stanziati tramite risorse provenienti da Legge di Bilancio e Decreto Fiscale. Queste le cifre del “Proteggi Italia”, il piano nazionale voluto dal presidente del Consiglio per la messa in sicurezza del territorio

Domotica: come evolve il mercato in Italia

Il mercato della domotica è in continua espansione, e anche in Italia l’evoluzione degli ultimi anni è molto veloce

il-conto-termico

Il Conto Termico e il catalogo GSE

Un’analisi delle modifiche apportate al codice appalti apportate dalla legge 145/2018 (legge di Bilancio 2019)

Pubblicata la nuova norma UNI 10200:2018

Lo scorso 11 ottobre è stata pubblicata la nuova versione della norma UNI 10200 relativa ai criteri di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale, estiva e di acqua calda sanitaria per gli edifici dotati di impianto centralizzato.

relazione-energetica

Che cos’è la Relazione Energetica, ex-legge 10?

Il D.M. del 26 Giugno del 2015 ha introdotto numerose novità in merito agli adempimenti che è necessario rispettare in materia di efficienza energetica degli edifici.