Manutenzione (KPI) su tutti i beni fisici

Pubblicata da UNI la nuova prassi di riferimento sugli indicatori di prestazione della manutenzione (KPI) su tutti i beni fisici

È Stata di recente pubblicata una nuova norma UNI relativa alle manutenzioni.
In un mondo sempre più attento ai consumi diventa essenziale applicare una corretta manutenzione a tutti i beni.
Ecco che troviamo una nuova prassi con indicatori di prestazione della manutenzione
Tali indicatori (KPI) della Funzione di Manutenzione si applicano a tutti i beni fisici, siano essi industriali, infrastrutture, edifici civili, sistemi di trasporto, ecc.

Questi indicatori dovrebbero essere usati per:

  1. misurare lo stato;
  2. effettuare confronti (benchmark interni ed esterni);
  3. fare diagnosi (analisi dei punti di forza e di debolezza);
  4. identificare obiettivi e definire i traguardi da raggiungere;
  5. pianificare le azioni di miglioramento;
  6. misurazione regolare dei cambiamenti nel tempo.

In ambito normativo è la commissione Manutenzione che si è occupata di recente di recepire anche in lingua italiana la EN 15341.
Questo documento descrive un sistema per la gestione degli indicatori di manutenzione atti a misurarne le prestazioni nel quadro di fattori d’influenza quali gli aspetti economici, tecnici ed organizzativi, per valutare e migliorare la sua efficienza ed efficacia al fine di raggiungere l’eccellenza nella manutenzione dei beni tecnici.
La manutenzione di software non è trattata nella norma; è tuttavia considerata la manutenzione di entità e sistemi contenenti software.
La funzione di manutenzione opera in diversi impianti industriali, insediamenti, infrastrutture, agendo in diversi ambienti di riferimento e contesti di diverse dimensioni, strutture, obiettivi, vincoli specifici e fattori di influenza. In questo contesto, è opportuno definire un modello organizzativo della funzione di manutenzione, come riferimento da implementare in relazione agli obiettivi richiesti, alle risorse disponibili e ai vincoli esistenti.
Il modello considera che, per il raggiungimento degli obiettivi assegnati e dell’eccellenza, la funzione di manutenzione deve utilizzare un’appropriata combinazione o parti di varie discipline quali HSE (Salute-Sicurezza-Ambiente), Amministrazione, ICT (Tecnologie informatiche e di comunicazione), ecc.

È compito della direzione:

a) implementare appropriate risorse, conoscenze, regole, procedure e attività;

b) selezionare il modo in cui la manutenzione deve costruire e organizzare le varie materie e discipline nelle seguenti sottofunzioni/aree:

  •  HSE sulla manutenzione;
  • direzione della manutenzione;
  • competenza del personale di manutenzione;
  • ingegneria della manutenzione;
  • organizzazione e supporto della manutenzione;
  • amministrazione e forniture.

All’interno della UNI EN 15341 sono riportati i seguenti riferimenti normativi:

1. EN 13306 Maintenance – Maintenance terminology;
2. EN 15628 Maintenance – Qualification of maintenance personnel;
3. IEC 60050-192 lnternational Electrotechnical Vocabulary (IEV) – Part 192: Dependability.

Fonte UNI

Fiume

Ddl Cantiere Ambiente: richiesto finanziamento 25 milioni di euro per prevenire il dissesto geologico e manutenere i fiumi.

Il ministro Costa ha presentato al Senato la richiesta di finanziamento di 25 milioni di euro per prevenire il dissesto geologico e manutenere i fiumi. L’importante prevenzione dei rischi idrogeologici richiede l’approvazione immediata della norma Cantiere Ambiente. Continua a leggere

VIA e VAS: Valutazione Impatto Ambientale e Valutazione Ambientale Strategica

Oggi approfondiamo due strumenti che il legislatore ha adottato per proteggere l’ambiente dall’impatto che lo sviluppo umano può causare: La VIA, Valutazione dell’Impatto Ambientale, e la VAS, Valutazione Ambientale Strategica.

Dissesto idrogeologico: il disegno di legge all’esame del Senato

Il Ddl CantierAmbiente voluto dal ministro Costa ha iniziato l’iter di esame in Senato. Nel ddl, la novità più importante è quella relativa ai “Commissari straordinari” delegati contro il dissesto idrogeologico

Sostenibilità ambientale nelle costruzioni: la nuova norma UNI

È stata pubblicata la UNI/PdR 13:2019 sulla Sostenibilità ambientale nelle costruzioni. Il documento, nato dalla collaborazione tra ITACA e UNI, sostituisce la precedente UNI/PdR 13:2015 e concretizza in Prassi il Protocollo ITACA.

rischio-rumore

La valutazione del rischio rumore

Oggi trattiamo il tema della sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare attenzione al rischio rumore che necessita di competenze ed attrezzature specifiche.

dissesto-idrogeologico

Il piano “Proteggi Italia” contro il rischio idrogeologico

11 miliardi di euro stanziati tramite risorse provenienti da Legge di Bilancio e Decreto Fiscale. Queste le cifre del “Proteggi Italia”, il piano nazionale voluto dal presidente del Consiglio per la messa in sicurezza del territorio

Domotica: come evolve il mercato in Italia

Il mercato della domotica è in continua espansione, e anche in Italia l’evoluzione degli ultimi anni è molto veloce

il-conto-termico

Il Conto Termico e il catalogo GSE

Un’analisi delle modifiche apportate al codice appalti apportate dalla legge 145/2018 (legge di Bilancio 2019)

Pubblicata la nuova norma UNI 10200:2018

Lo scorso 11 ottobre è stata pubblicata la nuova versione della norma UNI 10200 relativa ai criteri di ripartizione delle spese di climatizzazione invernale, estiva e di acqua calda sanitaria per gli edifici dotati di impianto centralizzato.