Beta News

Novità, eventi, nuovi corsi, opinioni.

Partite Iva in edilizia, il Min.Lavoro spiega come smascherare quelle falsi

partita ivaPer monitorare l’utilizzo delle false Partite Iva in edilizia il Ministero del Lavoro ha emanato la circolare 16/2008 con cui fornisce le indicazioni utili a fare un distinguo tra chi svolge effettivamente un lavoro autonomo e chi, al contrario, dovrebbe essere inquadrato con un rapporto di lavoro dipendente.

A detta del Ministero, la verifica può essere fatta sul possesso o sulla disponibilità di macchine e attrezzature, come ponteggi, macchine edili ed escavatori, che provi non solo la capacità organizzativa e la possibilità di realizzare le opere in autonomia, ma anche che i macchinari costituiscono un investimento da parte del lavoratore autonomo.

Al contrario, non possono provare l’autonomia del lavoro attrezzature di minore valore come funi, martelli o carriole.

La circolare considera autonome tutte le lavorazioni che avvengono nella fase di completamento dell’opera edile, come i lavori idraulici ed elettrici, i decori, la posa in opera dei rivestimenti, mentre sono quasi sicuramente da regolarizzare con un contratto da dipendente i lavori effettuati durante la realizzazione di opere strutturali del manufatto.

Dopo aver accertato la presenza di una falsa Partita Iva, gli ispettori del Ministero devono verificare anche le violazioni contributive e gli illeciti nell’ambito della salute e sicurezza sui luoghi di lavoro.

Accreditamenti

Certificazioni