Beta News

Novità, eventi, nuovi corsi, opinioni.

IMU, Anci Toscana denuncia scostamento tra gettito atteso e incassato

Giorni di verifica per l’Imu. Dopo il pagamento della prima rata, gli enti locali fanno il punto della situazione sui bilanci dopo l’introduzione dell’imposta che, come deciso dalla Manovra Salva Italia dello scorso dicembre, è stata applicata anche alle abitazioni principali e ha comportato qualche cambiamento rispetto alla vecchia Ici. Secondo Anci Toscana, se a livello nazionale si registra un segno positivo, in Toscana l’Anci segnala uno scollamento tra incasso reale e stime del Ministero dell’Economia e Finanze. All’appello mancherebbe circa il 16% del gettito atteso, per un ammontare pari a circa 160 milioni di euro. Secondo il presidente di Anci Toscana, Alessandro Cosimi, si tratta di un dato preoccupante, che potrebbe costringere i Comuni ad aumentare la pressione fiscale dal mese di settembre. Per Cosimi l’Imu non va a vantaggio dei Comuni, che devono cercare di sopravvivere tra spending review, tagli diretti e indiretti e tesoreria unica.

A detta di Cosimi, lo scostamento tra gettito atteso e incassato potrebbe essere determinato sia da immobili sommersi, ma anche da sovrastime da parte del Ministero dell’Economia, che non combaciano con le proiezioni effettuate da Ifel – Anci. Tra le città considerate, Pisa, con una differenza tra atteso ed effettivo di circa 6 milioni di euro, è il capoluogo che fa registrare la differenza più alta in termini pro-capite.

Accreditamenti

Certificazioni